WRITING

for curious minds

Perché alcune parole vanno scritte con l’apostrofo e altre senza? Perché in alcuni casi siamo di fronte a un’elisione e in altri a un troncamento. In questo articolo ci occupiamo di analizzare bene il fenomeno dell’elisione.

Diamo subito una definizione: l’ultima vocale di una parola quando non è accentata cade di fronte alla vocale iniziale della parola seguente. A prendere il posto della vocale caduta è l’apostrofo. Questo fenomeno si chiama “elisione”.

Ci sono casi in cui l’elisione è obbligatoria? Sì, sono i seguenti:

  • Con l’articolo lo e, di conseguenza, con le preposizioni che si compongono con questo articolo: lo amore —> l’amore, l’esercizio, sull’albero, nell’occhio ecc.;
  • Con l’aggettivo dimostrativo quello e quella: quello uomo —> quell’uomo; quell’anno, quell’estate, ecc.;
  • Con gli aggettivi bello e bella, santo e santa: bell’uomo, bell’amica, Sant’Agostino, Sant’Anna, ecc.;
  • Con l’avverbio ci quando si trova davanti a voci verbali che iniziano con la lettera e: ci è —> c’è, c’erano, c’entra;
  • Con la congiunzione anche quando è seguita dai pronomi personali io, egli, essa, esso, essi, esse: anch’io (in questo caso però è corretto “anche io”, solitamente – ma non è una regola – si utilizza con l’apostrofo quando è posto all’inizio della frase e senza apostrofo quando si trova all’interno della frase), anch’egli, anch’essa, ecc.;
  • In alcune formule fisse come mezz’ora, tutt’altro, senz’altro, d’altronde, d’ora in poi, pover’uomo, buon’anima.

In altri casi l’elisione è facoltativa, viene usata comunemente ma non è obbligatoria: 

  • Con la preposizione di: d’intesa o di intesa, d’impeto o di impeto, d’argento o di argento, ecc.;
  • Con gli articoli la e una: la amica —> l’amica, l’esposizione, un’automobile, ecc.;
  • Con i pronomi personali lo, la, mi, ti, vi, si, ne: l’accompagno o lo accompagno, l’ospitò o lo ospitò, m’avvicinai o mi avvicinai, t’avviserò o ti avviserò, s’arrende o si arrende, ecc.;
  • Con come seguito dal verbo essere: com’era buono o come era buono, com’è andata? o come è andata?, ecc.;
  • Con questo, questa e quanto: quest’avventura o questa avventura, quest’albero o questo albero, quest’ultimo o questo ultimo, quest’anno o questo anno, quant’altro o quanto altro, ecc.

Infine, ci sono i casi in cui l’elisione è vietata:

  • Quando articoli, aggettivi, e preposizioni sono seguiti da parole che iniziano con la i seguita da un’altra vocale: la iena, di ieri, ecc.;
  • Con il pronome ci ( nel senso di “noi”, “a noi”) quando è seguito da una vocale diversa dalla i: ci affida, ci odia; si può invece scrivere ad esempio c’invita;
  • Con i pronomi le e li quando svolgono la funzione di complemento oggetto: le odiavo, li incontrai, le ammiravo, ecc.;
  • Con il pronome le quando svolge la funzione di complemento di termine: le andrò a trovare;
  • Con la preposizione da, salvo alcune eccezioni che riguardano le locuzioni d’ora in avanti, d’ora in poi, d’altra parte e d’altronde.

Ricorda: qual va sempre scritto senza apostrofo, anche quando è femminile. Si scrive quindi: qual è il momento giusto?, qual è la persona di cui stavi parlando?, ecc. Perché? Perché in questo caso non siamo di fronte a un’elisione ma a un troncamento e quest’ultimo non richiede l’apostrofo, come vedremo meglio nel prossimo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: